Of course, we invest a certain amount of money [in their education], but what we get back is worth so much more. The international students will be partners for Germany in the world, this kind of international network building is of immense importance to us.

Questa citazione è tratta da un articolo di Times Higher Education sulla strategia di attrazione dei cervelli della Germania, esplicitamente legata ai concetti di Nation Branding e Soft Power.

In Italia esiste un’associazione, di cui faccio parte, che riunisce gli alumni del DAAD, il servizio tedesco di scambio accademico internazionale che è il più grande al mondo.
Come ex borsisti abbiamo esperienza del legame creato con la Germania da studenti e ricercatori e dell’importanza attribuita al nostro ruolo di “partner per la Germania nel mondo”.
Abbiamo perciò la responsabilità di diffondere in Italia una maggiore consapevolezza del valore che una rete di alumni stranieri può avere per il nostro Paese.

L’iniziativa degli Stati Generali per la promozione all’estero della formazione superiore italiana va in questa direzione.
L’Amb. De Luca, a capo della Direzione generale per la promozione del sistema Paese del MAECI, precisa in questa intervista che si è trattato della prima occasione in cui istituzioni, mondo accademico e Confindustria hanno collaborato.

Il coordinamento istituzionale e una programmazione lungimirante sono fondamentali per la promozione del Brand Italia.
Perciò Nation Brand Italia propone la creazione di un ente specifico in cui confluisca la programmazione di tutti gli sforzi a favore della reputazione dell’Italia.

Rispetto alla Germania, il numero di studenti internazionali è minore, ma l’italiano è la 4° lingua più studiata al mondo, molte università straniere hanno campus e religiosi da tutto il mondo trascorrono periodi di studio in Italia: un patrimonio di partner dell’Italia all’estero.

Questo articolo può interessare a un tuo amico/collega? Condividilo