Il ricorso dell’Italia e di Milanocontro l’assegnazione dell’EMA ad Amsterdam è commentato da vari giornali stranieri.

La Sueddeutsche Zeitung, con il titolo Amsterdam delude, pone la questione sul piano dell’affidabilità, un tema sicuramente delicato per la reputazione internazionale dell’Italia. Secondo il giornalista Daniel Broessler, al momento del voto Amsterdam era stata preferita proprio perché era stata considerata – a torto – la candidata maggiormente affidabile nel rispettare i tempi di trasferimento dell’EMA.

ema ricorso italia stampa estera

Politico riprende le parole del sindaco Sala in merito alla situazione che sta diventando “un po’ ridicola” e alla necessità per l’Italia di essere “aggressiva” nonostante le scarse speranze di cambiare l’esito della decisione.

L’Express precisa che il Governo italiano vuole assicurarsi che la scelta di Amsterdam non sia stata fatta sulla base di informazioni incomplete o dissimulate, come la data di consegna dell’edificio.

Deutsche Welle, nella sua versione inglese, riporta anche la posizione olandese rispetto al ricorso italiano. Secondo il ministro delle finanze, l’Olanda ha seguito correttamente la procedura di candidatura, perciò non ha motivo di pensare che la decisione presa possa essere rimandata.
Riporta anche lo scetticismo con cui le proteste italiane sono state ricevute dalla Commissione, il cui portavoce ha risposto che la decisione sulla destinazione di EMA è stata presa in modo definitivo.

Reuters aggiunge anche il riferimento alle prossime elezioni politiche fatto dal commissario europeo alla salute, che implicherebbe che le azioni italiane siano più che altro mosse da campagna elettorale. Riporta inoltre le parole del ministro della salute olandese, secondo cui la procedura di selezione di Amsterdam è stata “equa e chiara”.

Nessuna fonte precisa, riportando le dichiarazione del direttore di EMA, che si tratta di un italiano, né le critica in alcun modo.
La questione dell’affidabilità dei Paesi è sollevata solo dal quotidiano tedesco. Se fosse stata l’Italia ad essere in ritardo, molto probabilmente la situazione sarebbe stata diversa, a dimostrazione di quanto sono importanti e vanno sempre curati la reputazione internazionale e il peso dell’Italia in Europa.

Gli articoli citati
Sueddeutsche Zeitung
Politico
L’Express
Deutsche Welle
Reuters

Vuoi saperne di più? Leggi anche

Questo articolo può interessare a un tuo amico/collega? Condividilo