Il Global Attractiveness Index è una nuova classifica internazionale presentata da The European House Ambrosetti al forum di Cernobbio di settembre 2016.

Una raccolta di conversazioni su twitter sul marchio Italia e l’attrattività del sistema-paese durante il Forum di Cernobbio

Il tema dell’immagine-Paese dell’Italia è stato al centro del Forum di Cernobbio, ispirando numerose conversazioni su twitter per la durata di tutto l’evento. Le abbiamo raccolte: Brand Italia al Forum Ambrosetti 2016

Global Attractiveness Index: una nuova classifica internazionale sulla forza del nation brand

The European House Ambrosetti ha voluto rispondere alla domanda Quanto vale davvero l’Italia? con l’obiettivo di misurare l’attrattività e gestire l’immagine pro-business dell’Italia. La classifica è stata infatti realizzata in collaborazione con tre multinazionali: ABB, Unilever e Toyota Material Handling.

Il rapporto si riassume in 10 punti principali:

1.Le classifiche internazionali hanno assunto un peso crescente nell’orientare le decisioni di investimento e le politiche pubbliche.

2.Le classifiche internazionali presentano dei limiti di rappresentatività e nel caso di alcuni Paesi come l’Italia, stridono con le reali capacità competitive del territorio.

3.L’analisi condotta su un cluster di indici-Paese ha portato all’individuazione di alcune criticità che caratterizzano le metodologie più utilizzate.

4.La gestione dei posizionamenti nelle classifiche internazionali e dell’immagine-Paese sono al centro dell’attenzione di diversi Governi nel mondo.

5.Il progetto Global Attractiveness Index rende disponibile alla business community e ai policy maker un indicatore affidabile dell’attrattività-Paese.

6.Il Global Attractiveness Index introduce degli elementi di forte innovatività metodologica.

7.Il Global Attractiveness Index produce un ranking-Paese comparabile nel tempo secondo canoni di robustezza statistica ed oggettività.

8.L’Italia, rispetto ad altri Paesi non ha posto nel tempo sufficiente attenzione al monitoraggio delle classifiche internazionali e alla comunicazione dell’immagine-Paese.

9.Cinque raccomandazioni per la gestione dell’immagine dell’Italia da implementare secondo una logica collaborativa tra Istituzioni e stakeholder nazionali, a partire dal mondo produttivo e delle imprese:
― Istituire un presidio strutturato e permanente a livello nazionale per il monitoraggio dei ranking-Paese.
― Migliorare la qualità dei dati rilasciati per i ranking internazionali.
― Riprogettare l’immagine-Paese attraverso la costituzione di un “national brand steering committee” di indirizzo strategico-politico e una task force multidisciplinare tecnica operativa.
― Progettare e lanciare un’azione di comunicazione strutturata all’estero dell’immagine e della reputazione dell’Italia.
― Lanciare come azione politico-istituzionale dell’Italia un’operazione di advocacy e di sensibilizzazione a livello internazionale.

10. Quattro “cantieri di lavoro” prioritari per migliorare le condizioni di attrattività e competitività su cui il Paese deve agire:
Rafforzare l’ecosistema nazionale dell’innovazione e la capacità di creare “disruption”, implementando una “strategia nazionale dell’innovazione”.
― Sostenere lo sviluppo del sistema manifatturiero e dei nuovi modelli produttivi.
Modernizzare il sistema della formazione e la riqualificazione della forza lavoro per far fronte alle nuove esigenze del mondo produttivo e della società.
Incrementare l’efficienza dei servizi essenziali del Paese.

Maggiori informazioni sulle classifiche internazionali e le posizioni dell’Italia

Vuoi saperne di più? Leggi anche

Questo articolo può interessare a un tuo amico/collega? Condividilo